Gas Rivara: in barba alla Regione, il Ministero ha autorizzato i carotaggi

Il Ministero dell'Ambiente ha dato l'ok a Erg Rivara Storage per l'esecuzione delle indagini geognostiche necessarie per verificare la piena fattibilità del progetto di stoccaggio gas

Fregandosene totalmente dei molteplici pareri negativi dati dalla Regione Emilia Romagna, il Ministero dell'Ambiente ha detto sì alle indagini geognostiche per l'eventuale realizzazione del deposito di gas a Rivara, frazione di San Felice sul Panaro. Nella giornata odierna è stato pubblicato il decreto di compatibilità ambientale "positivo con prescrizioni" per il progetto di stoccaggio gas avanzato da Erg Rivara Storage.

DECRETO - Il decreto emanato dal ministero dell'Ambiente e dal Ministero dei Beni e delle Attività autorizza solamente la fase di accertamento che ha il fine di raccogliere dati scientifici mediante una ricerca esplorativa mai eseguita prima d'ora. I risultati di queste indagini serviranno agli esperti dei ministeri interessati (Ambiente e Sviluppo Economico) per verificare la sicurezza totale dell'impianto di Rivara. Il decreto si basa sul parere favorevole della commissione tecnica Valutazione impatto ambientale (Via) e su quelli del ministero Beni e Attività Culturali e delle due soprintendenze regionali.

ACCERTAMENTO - Come si legge nel testo del decreto, i pareri negativi formulati dalla Regione sono stati "tutti ritenuti non ostativi in questa fase in quanto non sono state espresse specifiche contrarietà alla realizzazione della fase di accertamento. Le criticità evidenziate dalla Regione con il proprio parere riguardano in misura prevalente la realizzazione e l'esercizio dell'impianto di stoccaggio". Secondo il Ministero dell'Ambiente, "la fase di accertamento è necessaria per la conferma e l'acquisizione di tutti i parametri progettuali indispensabili per sancire la piena fattibilità tecnico-economica e la totale sicurezza relativa all'esercizio dell'impianto di stoccaggio del gas" e, quindi, alla sua successiva realizzazione. Il decreto, infine, impone a Erg Rivara Storage alcune "prescrizioni" (quali?, ndr) che recepiscano in toto le "considerazioni formulate dalla Regione".

INDAGINI - Ma in cosa consistono questi approfondimenti scientifici? Questa fase di ricerca dal costo complessivo di 20 milioni di euro, che interesserà maggiormente le imprese locali, prevede la realizzazione di indagini sismiche tridimensionali, la perforazione di tre pozzi esplorativi e monitoraggi satellitari. A questo punto, Erg Rivara Storage domanderà al Ministero dello Sviluppo Economico tutte le autorizzazioni necessarie alla realizzazione
di questa sola fase esplorativa, sospendendo di fatto la richiesta di concessione per l'intero progetto sulla base delle nuove norme oggi in vigore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

  • Dpcm Natale 2020, approvato il decreto che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

  • Covid a Modena: scendono rispetto a ieri i nuovi casi. Ancora 11 i decessi

  • Covid, a Modena raddoppiano i nuovi casi rispetto a ieri. 11 decessi

Torna su
ModenaToday è in caricamento