rotate-mobile
Cronaca Piazzale Natale Bruni

Foibe ed Esodo, Modena commemora il “Giorno del Ricordo”

Le massime autorità cittadine hanno accompagnato l'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia nella cerimonia al cippo in pietra carsica, deposto a memoria delle vittime delle foibe e degli italiani "di là dall'acqua"

“Sono sempre crimini contro l’umanità, quando è l’odio etnico, razziale, religioso a guidare le azioni degli uomini”. Con queste parole il sindaco Gian Carlo Muzzarelli ha ricordato questa mattina, in occasione del Giorno del ricordo, “il tragico capitolo delle foibe consumato nelle terre al confine italo-jugoslavo, quando, fra il 1943 e il 1947, in quelle voragini dell'Istria vennero gettati, vivi e morti, quasi diecimila italiani, ma anche il successivo, dolorosissimo esodo di quasi trecentocinquantamila italiani, alla ratifica del trattato di pace che, ponendo fine alla Seconda guerra mondiale, sancì la cessione di Istria e Dalmazia alla Jugoslavia”.

In piazzale Natale Bruni, alla presenza dal Gonfalone della città, dopo la Benedizione del Vicario generale dell’Arcidiocesi di Modena e Nonantola, don Giacomo Morandi, è quindi avvenuta la deposizione di una corona d’alloro dinnanzi al Monumento di pietra carsica dedicato ai Martiri delle foibe. A seguire il generale Giampaolo Pani, dell'Associazione Venezia Giulia e Dalmazia di Modena, ha letto la preghiera dell'infoibato, accompagnata dal suono della tromba che ha intonato il Silenzio.

“Il ricordo di oggi – ha sottolineato il sindaco - è reso ancora più significativo dalla circostanza che della comunità modenese fa parte un folto gruppo di famiglie costrette a lasciare l’Istria. La giornata del ricordo – ha continuato Muzzarelli - è anche un monito attuale e duraturo rivolto a noi ed a tutti i popoli. Mentre rendiamo omaggio alla memoria delle vittime, crediamo che il modo migliore per ricordare sia quello di studiare, conoscere quello che è accaduto, conservarne la memoria per i giovani”.

La commemorazione,  promossa da Comune e Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, si è poi spostata al Tempio dei Caduti per la celebrazione della Santa Messa e la consegna del premio “Città di Modena” riservato alle Istituzioni scolastiche modenesi e dell’onorificenza “Benemerente dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia” consegnata a Elisabetta Sonzogno, Gianfranco Levoni e Maurizio Gavioli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foibe ed Esodo, Modena commemora il “Giorno del Ricordo”

ModenaToday è in caricamento