rotate-mobile
Cronaca Crocetta / Via dei Lancillotto, 4

Sicurezza degli edifici scolastici, sindacati al contrattacco

Certificati antincendio non riconosciuti, stabili non agibili, classi sovraffollate e arredi insicuri: le sigle sindacali puntano il dito contro la sicurezza. Cgil, Cisl e Uil: “Il Sigonio è solo la punta dell'iceberg”

Dopo il crollo di intonaco al Liceo Sigonio e la decisione dell'Amministrazione Comunale di procedere al rifacimento di tutto il secondo piano, le sigle sindacali della scuola non solo fanno il punto sulla sicurezza, ma partono all'attacco della situazione generale dell’edilizia scolastica a Modena e provincia. Il gruppo intersindacale sulla sicurezza nelle scuole, costituito da Flc-Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola, ha avuto ieri un incontro con Paolo Davoli, referente per la formazione sulla sicurezza della rete delle scuole della provincia di Modena, cui ha partecipato anche la rsu del liceo Sigonio.

Pur prendendo atto dell'impegno profuso nella formazione, i sindacati sottolineano i problemi ancora irrisolti di sicurezza nelle scuole. “Da una ricerca resa pubblica nel 2012 – scrivono – risulta che solo la metà degli edifici scolastici modenesi ha il certificato di prevenzione incendi, mentre il 40% non possiede quello di conformità edilizia o di agibilità. In compenso in tutte le scuole si effettuano ogni anno le prove di evacuazione che, tuttavia, a causa delle dimensioni delle classi producono uno stress notevole su insegnanti e studenti”.

“Nella maggior parte delle scuole le aule non sono adeguate all’elevato numero di alunni, che in taluni casi supera addirittura le trenta unità, a fronte di un massimo di 25 alunni stabilito dalla normativa – prosegue la nota dei sindacati – Dalla ricerca emerge anche un rapporto difficile tra i responsabili della sicurezza e il personale scolastico, una scarsa considerazione della figura del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, frequenti casi di sovraffollamento nelle classi, insufficiente comunicazione tra i diversi plessi della stessa scuola. Alcuni edifici scolastici hanno armadi non ancorati, porte con vetrate, aperture di finestre pericolose, problemi di controllo dell’aerazione; in alcuni casi i dirigenti scolastici sottovalutano le problematiche di sicurezza segnalate dai lavoratori”.

I sindacati denunciano che, nonostante la sicurezza dell’edilizia scolastici rappresenti un’emergenza nazionale, a Modena manca un’anagrafe completa sulla situazione edificio per edificio. “Bisogna innanzitutto superare la cultura dell’emergenza e sviluppare una metodologia d’intervento basata sulla programmazione. Serve, inoltre, maggiore informazione e formazione rivolta a tutte le persone che vivono nella scuola, dai dirigenti agli studenti. È necessaria, infine – concludono Flc-Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola – una più stretta collaborazione tra gli enti locali, proprietari degli edifici, e le istituzioni scolastiche a tutti i livelli”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza degli edifici scolastici, sindacati al contrattacco

ModenaToday è in caricamento