Bloccati dal ghiaccio ai 1.750 metri del Monte Giovo, arriva il Soccorso Alpino

I tecnici del Soccorso Alpino Emilia Romagna - Stazione Monte Cimone sono intervenuti oggi, 22 febbraio, in aiuto a due escursionisti 38enni bloccati in quota a 1750 metri sul sentiero Cai 525 che dal lago Santo sale al monte Giovo, nel territorio di Pievepelago. L'allarme è scattato verso le 14: i due, un ragazzo di Fiorenzuola e una ragazza vicentina, non riuscivano più a scendere dalla montagna a causa delle lingue di neve e ghiaccio “a cascatella” sul sentiero. Rendevano molto pericolosa la discesa: scivolare lì poteva comportare gravi conseguenze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da qui la chiamata al 118: sul posto i tecnici Saer insieme ai colleghi del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza, di stanza all'Abetone. I tecnici hanno imbragato i due calandoli con manovre di corda per quasi 200 metri fino al primo sentiero libero.  Su cui poi hanno potuto camminare fino al rifugio Vittoria e da qui fare rientro a casa con la macchina lasciata nel parcheggio, senza bisogno di assistenza medica. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le creme solari pericolose per la salute: 4 sostanze fondamentali

  • Contagio, due nuovi casi a Carpi e Castelvetro. Deceduta una 54enne

  • Covid. In Emilia-Romagna oggi 31 casi e 7 decessi

  • Coronavirus, 13 nuovi positivi asintomatici in Regione. Undici i decessi

  • Contagio, nel modenese quattro nuovi casi e un ricovero in Terapia Intensiva

  • Finale Emilia. Tentato omicidio per motivi passionali, arrestato un 54enne

Torna su
ModenaToday è in caricamento