rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Via Salvo D'Acquisto

Oltre 2mila litri d’acqua al giorno alle Sorgenti Urbane di Modena

Sono i consumi medi ai due impianti voluti dal Comune e da Hera. Finora e solo in città, sono circa 411mila le bottiglie di plastica risparmiate con le "case dell'acqua", con un beneficio complessivo per le famiglie di circa 140mila euro

Sono sempre di più i Modenesi che apprezzano le Sorgenti Urbane volute da Comune e Hera. Basti pensare che i due impianti, che sorgono rispettivamente nel Parco della Repubblica e nel Parco XXII aprile, erogano complessivamente oltre 2.000 litri di acqua al giorno. Lo dicono i dati rilevati da Hera e disponibili sui monitor installati nelle stesse case dell’acqua. Dall’inaugurazione degli impianti, avvenuta rispettivamente il 15 febbraio e il 24 novembre 2013, il “rifornimento” complessivo da parte dei cittadini alle case dell’acqua ha superato i 760mila litri (766.211 litri).

Dal 15 febbraio dello scorso anno al 30 giugno 2013 la Sorgente Urbana situata nel Parco della Repubblica ha erogato 583.231 litri d’acqua, 363.492 liscia e 219.739 gassata. L’impianto che si trova nel Parco XXII aprile dal novembre scorso, data della sua entrata in funzione, al 30 giugno di quest’anno ha erogato 182.980 litri d’acqua, di cui 124.130 liscia e 58.850 gassata. Una curiosità: nel mese di giugno 2013 in questo secondo impianto è stato registrato per la prima volta un consumo d’acqua maggiore (44.280 litri) rispetto a quello di Parco della Repubblica (40.513 litri).

Considerando l’acqua di rete sostitutiva rispetto alla minerale in bottiglia, grazie alle Sorgenti Urbane è stato possibile risparmiare, finora e solo nella città di Modena, circa 411mila bottiglie di plastica, 14.325 Kg di PET e 30.648 litri di petrolio per la loro produzione. Questo ha permesso di non riversare in atmosfera 35.000 tonnellate di CO2, alle quali devono essere sommate altre 41.244 tonnellate di emissioni di CO2 che sarebbero state provocate dal trasporto delle bottiglie. Va aggiunto inoltre un risparmio economico complessivo per le famiglie quantificabile, con un costo medio di 0,20 euro al litro per la minerale, in quasi 140mila euro.

Un ottimo risultato, quindi, per il progetto “Sorgente Urbana”, sostenuto dal Comune di Modena assieme a Hera e in collaborazione con Adriatica Acque. A questi impianti, lo ricordiamo, i cittadini possono prelevare l'acqua liscia gratuitamente, semplicemente portandosi le bottiglie vuote da casa. L'acqua gassata ha un costo di 5 centesimi al litro, che si possono pagare direttamente in monete (la struttura funziona come un distributore automatico) oppure con una chiavetta ricaricabile in distribuzione nell'Urp di Piazza Grande, nella sede del ‘Centro Arcobaleno’, all’interno del Parco XXII aprile, e nella sede del Comitato Anziani Buon Pastore in Via Panni 202 (Circoscrizione 3). L’acqua che esce dalle Sorgenti Urbane proviene direttamente dalla rete acquedottistica locale ed è quindi la stessa che esce dal rubinetto di casa, senza filtri o addolcitori. L’unica differenza è rappresentata dalla temperatura (l’acqua è resa più fresca grazie al sistema di refrigerazione applicato in loco) e dalle eventuali bollicine per farla diventare frizzante. Per informazioni sulle Sorgenti Urbane di Modena è possibile consultare il sito web www.comune.modena.it/ambiente o www.gruppohera.it/acqua.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 2mila litri d’acqua al giorno alle Sorgenti Urbane di Modena

ModenaToday è in caricamento