rotate-mobile
Cronaca

Personale sotto organico, stop a tre strutture di accoglienza nella Bassa

Una a Mirandola e due a Medolla. L'ispezione dei Servizi Sociali ha evidenziato carenze di personale che hanno portato alla sospensione delle autorizzazioni

I Servizi dell'Unione Comuni Modenesi Area Nord (UCMAN) hanno adottato nella giornata di oggi un provvedimento di sospensione dell’autorizzazione al funzionamento di tre strutture di accoglienza: si tratta di un gruppo appartamento di Mirandola, di una comunità per gestanti e mamme con bambini di Medolla e di una casa famiglia multiutenza, sempre di Medolla.

La sospensione fa seguito a un intervento di vigilanza operato dai Servizi Sociali e dalla Polizia Locale dell’UCMAN: tra le non conformità che hanno motivato il provvedimento, è stata ravvisata una carenza di personale in servizio presso le tre strutture visitate, che avrebbe messo a rischio l’incolumità - ma anche la tutela e la protezione - dei 15 minori ospitati, di cui 7 in tenerissima età.

“Un provvedimento di questo genere – commenta Alberto Calciolari, sindaco di Medolla e assessore dell'Unione con delega a minori e famiglie – non può che essere fonte di amarezza, visto il tema; tuttavia la legalità, i diritti dei minori e l’attenzione nei confronti delle fasce socialmente più vulnerabili sono una priorità. Ringrazio quanti hanno consentito, con il loro lavoro, di non far venir meno controlli così importanti, nonostante il contesto di emergenza”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Personale sotto organico, stop a tre strutture di accoglienza nella Bassa

ModenaToday è in caricamento