rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Economia

Boom di cassa integrazione, a Modena 236% rispetto allo scorso anno

La Cgil mette in luce diverse criticità del mercato del lavoro e attacca il Governo: "Servono politiche industriali"

ISCRIVITI AL CANALE WHATSAPP DI MODENATODAY

L'ultimo rapporto dell'Osservatorio Inps sull'utilizzo degli ammortizzatori sociali in Emilia Romagna ci dice che nel mese di gennaio 2024 sono state utilizzate 1.494.208 ore di ammortizzatori (Cigo, Cigs, Cigd) rispetto a gennaio 2023 che vedeva un utilizzo di cassa integrazione pari a 443.740 ore.

Un milione di ore di cassa in più, trasversali a tutti i settori produttivi. Il 236% in più rispetto all'anno precedente che pesa sulle tasche dei lavoratori e delle loro famiglie, infatti gli ammortizzatori sociali tagliano in media i salari dei lavoratori modenesi del 40%.

"A fine 2023 la Cgil di Modena aveva lanciato un allarme sulla produzione industriale e su un rallentamento nella provincia modenese che stavamo intravedendo per il 2024. Purtroppo i dati ci stanno dando ragione - commenta il sindacato, che poi attacca il Governo - Segno che chi ci governa non è interessato a sviluppare politiche industriali per governare i processi di transizione green o digitali. Con lo slogan 'non disturbare chi vuol fare' l'attuale Governo infatti continua con l'idea sbagliata che bisogna togliere lacci e lacciuoli alle imprese perché il mercato è quello che garantisce il benessere. Ma non è così".

La Cgil dipinge un quadro preoccupante per il lavoro modenese: "Se a tutto questo aggiungiamo la condizione di precarietà presente anche nella nostra provincia, dove sulle nuove attivazioni continuano a prevalere contratti a tempo determinato, in somministrazione e staff leasing e in appalto, la situazione diventa molto preoccupante. Purtroppo, questi lavoratori sono sempre la prima valvola di sfogo in situazioni di crisi, quando non vengono prorogati i contratti a tempo determinato, anche in somministrazione, e le lavoratrici e i lavoratori interessati dallo staff leasing vengono messi a “disposizione” delle agenzie di somministrazione, le lavoratrici e i lavoratori in appalto vedranno internalizzare i servizi che prima venivano da loro offerti in esternalizzazione. Queste lavoratrici e questi lavoratori non possono essere lasciati soli e non possono continuare ad essere il primo “ammortizzatore sociale” che le aziende mettono in campo".

"In aggiunta, è vero che stiamo conoscendo un momento di rallentamento, ma i dati dei bilanci delle imprese ci indicano che negli anni 2020, 2021, 2022 le stesse hanno conosciuto un incremento dei fatturati, un aumento della marginalità e una diminuzione del costo del lavoro in percentuale, segno che 'il convento è povero, ma i frati sono ricchi'", attacca infine il sindacato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boom di cassa integrazione, a Modena 236% rispetto allo scorso anno

ModenaToday è in caricamento