Cavallino alieno, prende vita la Ferrari 512 Modulo Concept

Nella cornice del concorso d'eleganza di Villa d'Este per la prima volta si è vista su strada la straordinaria auto frutto della collaborazione tra Pininfarina e Ferrari a fine anni '60

A 49 anni di distanza dalla sua presentazione è ancora in grado di stupire. Si tratta della Ferrari 512 Modulo Concept, un'auto dalle linee futuristiche che fu presentata nel 1970 al Salone di Ginvera come "maquette" frutto della collaborazione tra la casa di Maranello e i designer della Pininfarina, strabiliando il pubblico e diventando subito un'icona. Icona immobile, però, dal momento che il concept non era realmente funzionante. Ma oggi non è più così.

Grazie al lavoro del regista e collezionista americano James Glickenhaus, che acquistò la vettura cinque anni fa, ora la 512 Modulo ha mosso i suoi primi passi, dopo essere stata restaurata e attrezzata per viaggiare realmente su strada come prototipo. Un lavoro straordinario che ha aggiunto un fascino ancora più concreto al bolide.

Nei giorni scorsi, nel contesto del Concorso d'eleganza di Villa D'Este, sul lago di Como, l'auto si è mostrata in marcia al pubblico entusiasta, che ha potuto ammirare i dettagli esterni ed interni che hanno sempre reso questo mezzo più simile ad un disco volante che ad un'automobile.

Potrebbe interessarti

  • Gli oggetti da avere sempre in auto per essere sempre al sicuro

  • Le migliori applicazioni per smartphone dedicate al mondo dell'auto

  • Fat bike: cosa sono e dove trovarle a Modena

I più letti della settimana

  • Uccisa con un coltello dal marito, un dramma della malattia in via Alassio

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Fuori strada con la moto, 29enne muore sulla Canaletto

  • Truffa dello specchietto, famiglia con due bimbi piccoli fugge e sperona l'auto della Polizia

  • Fugge alla Polstrada per chilometri, bloccata in mezzo alla rotatoria di Baggiovara

  • Ancora un incidente sulla Canaletto, grave un motociclista 21enne

Torna su
ModenaToday è in caricamento