Ex caserma S.Eufemia, primo accordo per trasformarla in studentato

Siglato un memorandum d’Intesa tra CDPI SGR (Gruppo Cassa depositi e prestiti), Comune di Modena, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Fondazione Collegio S.Carlo, Università di Modena e Reggio

Trasformare la ex caserma Sant’Eufemia in una residenza per studenti universitari fuori sede. E’ quanto si propone il memorandum d’Intesa siglato questa mattina da Comune di Modena, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Fondazione Collegio San Carlo, Università di Modena e Reggio e CDPI SGR (società del Gruppo Cassa depositi e prestiti), proprietaria dell’immobile.

I firmatari del documento si impegnano a verificare la fattibilità del progetto e attivare le forme di collaborazione necessarie alla realizzazione di nuovi spazi residenziali nel cuore del centro storico. In particolare, Comune di Modena e Università si impegnano – fatte le dovute verifiche – a rendere disponibili alcune superfici aggiuntive di loro proprietà confinanti con l’ex caserma.

La Fondazione Collegio San Carlo metterà a punto un piano di attività per la gestione dell’Immobile. La Fondazione Cassa di Risparmio di Modena darà sostegno economico al progetto. CDPI SGR valuterà la fattibilità dell’iniziativa. Il memorandum d’Intesa viene incontro alla domanda pressante di nuove strutture, vicine alle aule universitarie, riservate all’accoglienza di studenti fuori sede; al tempo stesso intende “promuovere investimenti rivolti a incrementare la dotazione di alloggi” non solo per studenti ma anche per “visitatori, turisti e lavoratori in trasferta”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con la firma di questo documento la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena prosegue nel suo impegno a favore dell’edilizia sociale, attuato attraverso la partecipazione al Fondo Emilia Romagna Social Housing - dedicato a incrementare gli alloggi sociali sul territorio regionale - gestito dalla società Investire Sgr. La Fondazione ha sottoscritto quote del Fondo per 10 milioni di euro.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 luoghi in Appennino Modenese che non puoi non vedere

  • Venerdì sera, ritorna la movida. Multati sei locali del centro storico

  • Via Emilia, giovane accoltellato in pieno centro storico

  • Tragedia accanto allo scalo merci, muore schiacciato dalla propria auto

  • Contagio. In provincia 11 casi, di cui 6 asintomatici del focolaio di Carpi

  • Perde il controllo della moto, 21enne muore sulla Nuova Estense

Torna su
ModenaToday è in caricamento