San Cataldo, installata una composteria negli orti urbani

Inaugurata sabato 20 ottobre, trasforma i rifiuti organici in fertilizzante per gli ortaggi

Da rifiuto a fertilizzante: l’economia circolare diventa realtà agli Orti urbani di San Cataldo grazie alla nuova grande compostiera che da sabato 20 ottobre serve le sessanta piazzole agricole affidate alle cure di altrettanti “ortolani” di tutte le età. La compostiera, infatti, garantisce la corretta destinazione dei rifiuti organici prodotti nel corso delle attività degli Orti trasformandoli in compost che poi rientra nel circolo economico come fertilizzante per dare vita a nuove piante, ortaggi e frutti.

All’inaugurazione, avvenuta nel pomeriggio di sabato 20 ottobre, erano presenti l’assessora all’Ambiente Alessandra Filippi e Antonio Dondi, direttore dei Servizi Ambientali del Gruppo Hera, insieme alla presidente degli Orti Antonella Bernardo.

Il compostaggio è un’abitudine semplice da adottare ma, per eseguirlo nel migliore dei modi, i coltivatori urbani hanno seguito un piccolo corso di qualche ora organizzato da Hera nel corso del quale hanno appreso le poche importanti regole di ecologia e biologia da adottare per ottenere un ottimo fertilizzante.

Il sistema di auto-compostaggio degli orti urbani, realizzato anche grazie al contributo di Atersir e della Regione Emilia-Romagna, è un piccolo concentrato di tecnologia, in grado di monitorare sia lo “stato di salute” della compostiera e del compost, sia l’eventuale presenza di metano che metterebbe in evidenza un non corretto processo di trasformazione della materia organica. Queste analisi sono rese possibili da sensori che misurano temperatura, umidità e concentrazione di gas all’interno della compostiera, tutti coordinati da un sistema di controllo alimentato da un pannello fotovoltaico.

L’iniziativa degli Orti urbani di San Cataldo si inserisce nella campagna di sensibilizzazione avviata dal Comune di Modena e da Hera per una corretta gestione dei rifiuti organici che passa, appunto, anche attraverso la diffusione della buona pratica dell’auto-compostaggio.

Oltre che con la collaborazione di Hera, l’organizzazione del sito di auto-compostaggio degli Orti Urbani è stata supportata anche dalla Coop La Lumaca, che ha portato la sua esperienza sui temi della sostenibilità ambientale e si è occupata della formazione delle persone coinvolte, avvalendosi della collaborazione locale di altre associazioni esperte in materia di compostaggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

Torna su
ModenaToday è in caricamento