Sanità. Giuseppe Licitra alla Direzione Medica dell'Ospedale di Mirandola

Mirandolese, 37 anni. Sostituisce Manuela Panico

È Giuseppe Licitra, 37 anni, il Responsabile della Direzione medica dell’Ospedale Santa Maria Bianca di Mirandola. Attualmente ricopre la medesima funzione presso l’Ospedale di Pavullo. Dall’1 febbraio succederà a Manuela Panico, che si trasferisce in un’altra Azienda Sanitaria della regione. Alla dottoressa Panico, che ha assolto al ruolo con grande professionalità e dedizione dal novembre 2016, va il sentito ringraziamento della Direzione dell’Azienda USL di Modena per il lavoro svolto e l’impegno profuso nel suo servizio.

Laureato in Medicina e Chirurgia all’Università di Modena e Reggio Emilia, specializzato in Igiene e Medicina preventiva, Licitra ha iniziato il suo percorso formativo e professionale presso l’Azienda USL di Modena nel 2010, all’interno del Servizio profilassi delle malattie infettive. Tra il 2011 e il 2014 ha proseguito il proprio tirocinio professionalizzante presso l’Unità operativa Cure primarie a Mirandola, dove nel 2012 ha collaborato attivamente alla gestione dell’emergenza sanitaria collegata all’evento sismico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A seguire, fino al 2016, l’esperienza lavorativa presso la Direzione sanitaria dell’Ospedale di Sassuolo; rientrato in Ausl come dirigente di Direzione Medica di Presidio per gli Ospedali di Vignola e Pavullo, prima, e poi mantenuto lo stesso ruolo per l’Ospedale Civile di Pavullo, dal primo febbraio acquisirà il nuovo incarico a Mirandola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio. Sforata quota 10mila positivi, con 800 nuovi casi. "Trend in diminuzione"

  • Produzione ferma per troppe malattie, l'azienda prepara la denuncia poi ritratta

  • Boato e lieve scossa di terremoto, epicentro a Cavezzo

  • Centri commerciali e negozi, in Emilia-Romagna sabato e domenica confermate le chiusure

  • Dalla “spesa di guerra” alla “spesa di conforto”, cambiano gli acquisti da quarantena

  • Record di nuovi casi positivi a Modena. Le vittime salgono di altre 11

Torna su
ModenaToday è in caricamento