rotate-mobile
Cronaca

Grandine, danni ingenti alle coltivazioni nel modenese

Coldiretti annuncia quanto temuto: molte colture sono state danneggiate gravemente dalla grandinata straordinaria che si è abbattuta sulla zona nord della provincia, già provata dal periodo di piogge ininterrotte

La violenta grandinata che, con chicchi talvolta grossi quanto un mandarino, ha colpito la provincia modenese questo pomeriggio ha prodotto ingenti danni alle coltivazioni. Lo rende noto Coldiretti, sottolineando come siano state flagellate soprattutto le zona di Modena, Campogalliano, Carpi e alcuni comuni della bassa modenese. In particolare sono state danneggiate le coltivazioni frutticole come la vite (allo stadio di germogliazione) e pere e mele i cui frutti, se pur ancora di piccole dimensioni, sono stati colpiti riportando lesioni che non verranno riassorbite ma, al contrario, aumenteranno con la crescita del frutto stesso andando ad inficiare la qualità del prodotto. Danni si registrano anche alle coltivazioni erbacee quali barbabietole, meloni e cocomeri.

Solo nelle prossime ore – sottolinea Coldiretti - sarà possibile una prima valutazione dei danni. Ma per gli agricoltori è decisamente un 2013 da dimenticare: i danni di oggi si sommano infatti alle difficoltà ed ai ritardi (almeno 50 giorni in media) delle operazioni colturali che quest’anno si sono registrati a causa dell’intenso periodo di piogge di febbraio e marzo. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grandine, danni ingenti alle coltivazioni nel modenese

ModenaToday è in caricamento