Ricerca medica, è modenese la "Cellula Staminale 2015"

Nomination del team di Michele De Luca e Graziella Pellegrini a “Stem Cell Person of the Year 2015”

Il team del prof. Michele De Luca e della prof.ssa Graziella Pellegrini del Centro di Medicina Rigenerativa “Stefano Ferrari” di Unimore si è classificato al primo posto tra i finalisti che concorrono per la vittoria del Premio internazionale  “Stem Cell Person of the Year 2015”, indetto dall’americano Knoepfler Lab Stem Cell Blog, uno dei più seguiti nel campo della ricerca sulle cellule staminali.

Il premio, la cui edizione 2013 fu vinta da un’altra ricercatrice italiana, la senatrice Elena Cattaneo, rappresenta un’occasione importante per mettere in evidenza il valore internazionale della nostra ricerca d’eccellenza, che ha portato il team modenese di Michele De Luca e Graziella Pellegrini e lo spin-off di Unimore Holostem Terapie Avanzate all’approvazione della prima terapia avanzata a base di cellule staminali (Holoclar) nel mondo occidentale a febbraio 2015.

Il processo di selezione prevedeva che i lettori del blog votassero la loro “Stem cell person of the year” tra 24 nominativi di persone che hanno avuto, nel corso dell’anno, il più grande impatto nel campo delle cellule staminali e della medicina rigenerativa nel mondo. E quasi il 25% dei votanti ha dato la preferenza al team italiano.

I voti ricevuti hanno permesso di creare la rosa dei finalisti tra cui l’organizzatore Paul Knoepfler (ricercatore della UC Davis School of Medicine in Sacramento) sceglierà il vincitore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina all'Eurospin, all'ospedale un dipendente colpito con un fucile

  • Tragedia al parco Amendola, si allontana dalla casa di riposo e annega nel lago

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Assalto armato al portavalori, guardie rapinate all'uscita del Grandemilia

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

Torna su
ModenaToday è in caricamento