rotate-mobile
Cronaca Finale Emilia

Terremoto, le quattro Fondazioni bancarie in soccorso delle scuole

I presidenti delle quattro fondazioni hanno concordato di istituire un fondo straordinario che concorrerà a finanziare i lavori di ripristino degli edifici che ospitano le scuole materne, elementari e medie danneggiati dal sisma

Le quattro fondazioni bancarie del territorio (Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Carpi, Vignola e Mirandola) uniscono le forze per un intervento straordinario a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto che ha colpito l’area nord della provincia modenese. Nel corso di un incontro che si è svolto nel pomeriggio di venerdì 25 maggio presso la sede della Provincia di Modena, alla presenza del presidente Emilio Sabattini, i presidenti delle quattro fondazioni hanno concordato, come primo intervento rispetto all’emergenza-terremoto, di istituire un fondo straordinario che concorrerà a finanziare i lavori di ripristino degli edifici che ospitano le scuole materne, elementari e medie danneggiati dal sisma. A breve sarà istituito un tavolo tecnico che avrà il compito di valutare la situazione nelle zone colpite e le priorità d’intervento.

LAVORI SULLE SCUOLE - "L’intervento delle Fondazioni – spiega il presidente della Provincia – consentirà di avviare al più presto le opere di ristrutturazione delle strutture rese inagibili dal terremoto, con l’obiettivo di garantire il regolare svolgimento delle attività didattiche alla ripresa del nuovo anno scolastico". In diversi istituti danneggiati, infatti, è stata decretata la chiusura anticipata la chiusura dell'anno scolastico con la garanzia, comunque, di avere scrutini ed esami di stato. Le Fondazioni, poi, si sono impegnate ad operare nell’ambito di Acri, l’associazione nazionale che riunisce fondazioni e casse di risparmio, per garantire interventi di solidarietà a favore delle popolazioni colpite dal terremoto. Martedì 29 maggio è previsto un incontro a Bologna tra i rappresentanti delle fondazioni bancarie italiane per concordare tempi e modi degli interventi a sostegno dei terremotati. "In questo momento – spiega il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena Andrea Landi – la priorità è il soccorso alle popolazioni e alle aziende del territorio. Una volta superata l’emergenza si tratterà di riparare, almeno in parte, i gravissimi danni provocati al patrimonio artistico e culturale. Anche da questo punto di vista le Fondazioni sono pronte a garantire il loro sostegno".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto, le quattro Fondazioni bancarie in soccorso delle scuole

ModenaToday è in caricamento