Spesa, dove conviene farla? L'indagine di Federconsumatori Modena

Il Super Rossetto di Fiorano si conferma il supermercato più conveniente della provincia, ma le dinamiche della grande distribuzione si evolvono in modo nuovo

Per la 26esima edizione, Federconsumatori Modena ha pubblicato la sua indagine sui prezzi praticati dalla Grande Distribuzione nella nostra Provincia, che segue una ulteriore indagine, presentata a giugno, dedicata ai vistosi effetti portati dalla pandemia anche in questo settore. Ancora una volta ci siamo l'associazione di categoria ha provato a raccontare – anche attraverso i prezzi - lo stato di un pezzo rilevante dell'economia modenese, che tutti “frequentano” e dove lavorano tra diretti ed indiretti oltre 10.000 persone, in netta prevalenza donne. 

Modena, una provincia più costosa che in passato

L'indagine di quest'anno presenta dati particolarmente complessi, tutti da interpretare. Il primo è quello della variazione dei prezzi al consumo nella nostra provincia: un dato che, sino al 2018, si è mosso in sintonia con quello nazionale, e frequentemente al di sotto di quello regionale. Un dato che però, negli ultimi due anni, ha visto un costante superamento di quelle medie, con Modena avanti di uno 0,6% sia rispetto alla media nazionale che a quella regionale. A questo dato hanno contribuito gli incrementi dei prodotti alimentari, di abbigliamento e calzature, ma anche la minore riduzione dei prezzi su abitazione, acqua, elettricità e combustibili; tutti elementi che portano ad un dato che complica la vita delle famiglie modenesi.

Ipermercati in crisi, la rivincita dei "medi"

La rete commerciale del nostro territorio può definirsi, da tempo, del tutto satura per ciò che riguarda gli Ipermercati; un formato in crisi nazionale di vendite, ma che almeno nella nostra provincia sta cercando di opporsi al declino, come dimostrano i dati dell'indagine.
Continuano i segnali di vitalità per ciò che riguarda i supermercati di medie e grandi dimensioni, oggetto di nuove aperture, mentre è sempre più vistoso anche a Modena la crescita del formato Discount, ormai prossimo a superare la quota di mercato del 20%, a livello nazionale. Un fenomeno rilevante, legato alla crisi degli Ipermercati, che inquadreremo meglio a breve con una nostra specifica iniziativa.

VIDEO | Indagine, il lockdown modifica abitudini e volumi di vendita

Ma l'elemento centrale della nostra indagine è l'inedito livellamento, la forte riduzione delle differenze e delle distanze trai primi e gli ultimi, che bene viene registrato in alcune tabelle. Un dato forte nelle differenze territoriali, con Pavullo che abbandona, forse per la prima volta, il ruolo di Cenerentola, almeno nel paniere Grandi Marche, lasciando questo ruolo all'Area Nord, ma con una forbice meno netta del passato. Un dato, quello della riduzione delle differenze, che si ritrova anche in altre tabelle, e che non è semplice da interpretare. Si è trattato di un livellamento in alto od in basso? Fatto sta che, per diversi indicatori, i dati del 2020 consegnano il minore differenziale tra prezzi minimi e massimi, tra l'insegna più economica e quella più cara, da quando questa analisi viene prodotta. Difficile non pensare ad un effetto della Pandemia, ma altrettanto difficile leggere in profondità questo dato.

Il capoluogo torna ad essere più conveniente

Dopo diverso tempo, Modena riprende il ruolo di Città più conveniente, superando il Distretto Ceramico, soprattutto per la cattiva performance di qualche soggetto. Ma è nel Distretto Ceramico che si trova, ancora una volta, l'insegna largamente più conveniente nel paniere Grandi Marche, Super Rossetto, ma lontana dai primi posti negli altri due panieri: Private Label e Primi prezzi. Una politica prezzi, quella di Rossetto, che punta sulla costante convenienza dei prodotti di maggiore diffusione, e molto meno sul punto forte di altri soggetti, le promozioni commerciali, i primi prezzi ed i prodotti con il proprio marchio.

La pandemia cambia le abitudini e i prezzi

Finisce l'era del discount a prezzi "stracciati"

Il “ciclone” Discount ha portato alcune insegne ad esprimere una forte concorrenza di prezzo in questo sempre più rilevante segmento. Clamoroso il fatto che sia Esselunga Soliera, e non un Discount, ad esprimere i prezzi più bassi nei Primi prezzi. A ciò fa da contraltare la modesta performance complessiva di questa insegna, che pare lontana dal periodo della forte competizione con Coop, almeno sul Paniere Grande Marche e soprattutto su quello Private Label, con prezzi molto lontani da quelli dei concorrenti. Un segmento, quello dei prodotti a marchio del distributore, che vede prevalere la rete dei supermercati Coop, a pochissima distanza dagli Iper della stessa insegna e da Conad. Conad, dopo l'acquisizione di Auchan, è diventata leader nazionale con una quota di mercato vicina al 14%, superando Coop. Nella nostra provincia e nel suo Ipermercato, sul fronte dei prezzi, soffre però di un discreto “appannamento”. Sembra che Conad si sia concentrata sul rilevante e socialmente importante ruolo di servizio nelle piccole e medie realtà, nei quartieri, nel commercio di vicinato, mettendo in secondo piano il tema prezzi. Gli Ipermercati, in particolare i due di Modena ad insegna Coop, hanno fatto rilevare un interessante posizionamento dei prezzi, ma anche qui con una rilevante riduzione del differenziale di prezzo tra le diverse insegne concorrenti.

E la spesa online?

Era atteso il dato di crescita dei prezzi dei negozi online di Esselunga e Coop, con la prima che cresce sull'anno precedente del 6,4% e la seconda del 4,4%. Prevale in questa competizione Coop, in tutti i segmenti, soprattutto per lo scarto sui prodotti private label, ed in misura minore su Grandi Marche e Primi Prezzi. Ricordiamo che nel 2019 i negozi online si erano classificati molto in alto nella convenienza, proprio per la fase di sostanziale lancio del servizio, oggi utilizzato da molti consumatori anche a seguito della Pandemia.

A questo link è possibile scaricare (in .pdf) l'intera indagine di Federconsumatori con le tabelle e i risultati dei singoli punti vendita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Coronavirus, 2.533 nuovi positivi in regione. A Modena un nuovo picco

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Coronavirus, curva in flessione per la prima volta. Modena ancora al vertice

  • Contagio a Modena, 573 nuovi casi e 7 decessi. Ricoveri stabili

Torna su
ModenaToday è in caricamento