Sabato indie all'Off di Modena, sul palco I Camillas e Francesco De Leo

Sabato 23 Marzo, dalle ore 22:00,  all’OFF di Modena  I Camillas, reduci dall’indimenticabile esibizione dello scorso gennaio nella prima data del tour di Calcutta davanti ad oltre 4000 persone, e Francesco De Leo, fondatore e front man dell’Officina della Camomilla, una delle band più conosciute del panorama musicale italiano. Ingresso unico 8€ riservato ai soci dell’Associazione Culturale Stòff.  

I Camillas nascono a Pordenone nel 1964 come duo formato da Ruben Camillas (chitarre, xilofono, voce) e Zagor Camillas (tastiere, cimbalo, voce). Poi nel 2015 è nato anche Michael Camillas che suona la batteria e adesso sono diventati tre. Eseguono canzoni in italiano. Dense, leggere, impreviste, monumentali. Piene di ritornelli, malinconie e balli. Cultori della multiproduzione e dell’idea che la proprietà privata sia un abbaglio, adorano mescolarsi e retificare i loro spostamenti, creando connessioni e fratellanze senza limiti. I Camillas sono a pieno titolo i veri mentori della nuova scena italiana. 

Con Festa e Sangue Tour, che continua a macinare date su date, portano sul palco uno show elettrico ed elettrizzante, unico e imprevedibile che vede per la prima volta la presenza di una sezione ritmica, dopo i recenti ingressi di Michael e Theodore Camillas alla batteria e al basso. Concerti-party in cui la band pesarese dimostra tutta la sua extravaganza svelando la sua missione per conto di Dio: trascinarci a pieno ritmo nel favelas punk senza lustrini e tutto fango de "El Mito" e salvare il rock con veri e propri anthem come “La macchina motivazionale” e "Motorock". Di recente sono stati anche ospiti speciali di Calcutta nella prima data dell'Evergreen Tour al PalaRossini di Ancona, cantando sulla hit "Oroscopo" e interpretando "La canzone del pane", un vero classico del loro repertorio. Uscito il 5 ottobre per Trovarobato, il nuovo album "Discoteca Rock" è fatto a colpi di allucinazioni. Ogni colpo spalanca canzoni. Un disco senza ballate. Un disco da ballare, anche male.

Francesco De Leo inizia la sua carriera artistica nel 2008 quando, a soli 17 anni, fonda L’Officina della Camomilla, tra le band più conosciute del nuovo panorama musicale italiano e diventato negli anni un gruppo cult della scena indipendente. Con l’aiuto dei vari musicisti che negli anni si sono succeduti all’interno della band, nei primi cinque anni ha sviluppato il progetto in modo totalmente indipendente, limitandosi a pubblicare demo casalinghe su YouTube. Nel 2012 entra a far parte del roster dell’etichetta bolognese Garrincha Dischi con la quale pubblica quattro album di inediti. Nel maggio 2017 De Leo decide di sospendere le attività del gruppo per dedicarsi alla carriera solista.  

Ad aprile 2018, anticipato dal video di Muse diretto da Jacopo Farina, per Bomba Dischi è uscito La Malanoche, il primo album solista prodotto da Giorgio Poi. Dopo un tour estivo pieno di soddisfazioni suggellato dalla partecipazione al concerto di Calcutta allo Stadio di Latina, continua il suo viaggio nei migliori club della penisola.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Cinque weekend di poesia, arte e musica dal Teatro Comunale di Carpi: si parte con Dante

    • Gratis
    • dal 6 febbraio al 8 marzo 2021
    • Online
  • Anna Campori Seghizzi, alla Galleria Estense una mostra dossier della nobildonna modenese

    • dal 15 febbraio al 2 maggio 2021
    • Galleria Estense
  • Panchina rossa e incontri online: gli eventi di Sassuolo per la Festa della Donna

    • Gratis
    • dal 8 al 21 marzo 2021
    • Online
  • Arte in Tabaccheria: Mihaela Dodan è la seconda artista dell'anno

    • Gratis
    • dal 22 febbraio al 8 marzo 2021
    • Tabaccheria Vento di Manuel Frassinetti
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ModenaToday è in caricamento