La "Macchina modenese" di Aldo Rossi in mostra nello spazio dell'ex Aem

Viene riallestita nella città in cui e per cui è stata ideata e creata, l’imponente “Macchina Modenese”, realizzata nel 1983 su progetto di Aldo Rossi nell’ambito della mostra “Aldo Rossi, opere recenti” allestita alla Palazzina dei Giardini. L’opera del grande architetto creata per l’occasione, probabilmente l’unica sua “effimera” conservata, viene riproposta dopo un intervento di manutenzione in una nuova collocazione temporanea negli spazi del Laboratorio aperto all’ex Centrale Aem di viale Buon Pastore 43 a Modena. L’inaugurazione si svolge giovedì 21 marzo alle 17 e la “Macchina” resta esposta fino al 19 aprile (ingresso libero nei giorni feriali dalle 9.30 alle 18 e nei festivi dalle 9 alle 13).

Nella mattinata dello stesso giovedì 21 marzo, dalle 9.30 alle 13, il Laboratorio aperto di Modena all’ex Aem ospita il convegno “La città dei morti e la città dei vivi” sul nuovo cimitero di San Cataldo.

“Un’opera unica di grande interesse dai giacimenti culturali cittadini – sottolinea Gianpietro Cavazza, vicesindaco e assessore alla Cultura – viene riproposta all’attenzione e allo sguardo dei modenesi e di chi verrà a vederla, in concomitanza con un convegno di studi sull’architetto che con Gianni Braghieri firmò il progetto del cimitero nuovo di San Cataldo”.

In occasione della mostra del 1983, che presentava un nucleo centrale di disegni, oli e acquarelli riguardanti il noto Nuovo Cimitero di San Cataldo, concorso vinto da Aldo Rossi e Gianni Braghieri nel 1971, prese corpo all’interno della cupola seicentesca della Palazzina, una costruzione alta sette metri, realizzata per volontà dello stesso Aldo Rossi in legname da cantiere dipinto, che potesse restituire in modo chiaro il significato della sua architettura. Nacque così la Macchina Modenese che, dopo un doveroso intervento di manutenzione, torna visibile al pubblico insieme a una gigantografia del disegno che servì per impostarne la costruzione, opera conservata nella Raccolta del disegno contemporaneo della Galleria Civica di Modena, oggi in Fondazione Modena Arti Visive.

Domenica 24 Marzo alle 12 all’ex Aem saranno proiettate con l’autore le immagini inedite della Macchina Modenese realizzate dal fotografo Olivo Barbieri. L’evento espositivo, a cura di Fausto Ferri per l’allestimento di Giorgio Tavernari, con testo critico di Gianni Braghieri, è realizzato dal Comune di Modena in collaborazione con Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Fondazione Modena Arti Visive – Galleria Civica e Laboratorio Aperto di Modena.

L'opera

La “Macchina Modenese” di Aldo Rossi si costituisce come una somma di elementi sovrapposti che attingono alla storia dell’architettura rivisitata da Rossi e alla memoria dei suoi progetti precedenti. “Nella planimetria – scrive Gianni Braghieri, architetto coautore con Rossi del progetto per il Cimitero di Modena – si rileggono le tipologie a corte delle scuole di Fagnano Olona e Broni. La corte delle scuole diventa il grande edificio cubico scoperchiato che riprende e unisce i singoli setti che, in diversa e progressiva altezza e lunghezza, sono l’elemento centrale del nuovo cimitero di Modena. Alla fine della successione di questi elementi, una torre telescopica sostituisce il tronco di cono della ciminiera e diventa un omaggio alle pitture metafisiche delle piazze d’Italia di Giorgio De Chirico”.

Secondo Aldo Rossi, come sostengono tanti storici della disciplina, i monumenti romani, i palazzi del Rinascimento, i castelli, le cattedrali gotiche, possono infatti essere intesi come elementi dell’architettura. Si possono distruggere e ricostruire, ridisegnare o inventare, ma restano comunque “frammenti di una realtà sicura”. Nella Macchina Modenese l’architettura della storia entra come parte sostanziale nella composizione dell’insieme progettuale, e i pezzi e le parti dell’edificio sembrano comporsi tra loro come parti autonome di uno stesso “coro”, in dialogo con gli avvicendamenti della storia.

L’opera ideata da Aldo Rossi è esposta negli spazi del Laboratorio aperto di Modena all’ex Aem di viale Buon Pastore 43. L’inaugurazione si svolge giovedì 21 marzo alle 17 e la “Macchina” resta esposta fino al 19 aprile (ingresso libero nei giorni feriali dalle 9.30 alle 18 e nei festivi dalle 9 alle 13).

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

I più visti

  • Diventare istruttore cinofilo? A Modena si può

    • dal 22 febbraio 2020 al 23 gennaio 2021
  • Basta uno sguardo: dodici fotografie ritraggono l'anima del Mercato Albinelli

    • Gratis
    • dal 12 dicembre 2020 al 28 febbraio 2021
    • Mercato Albinelli
  • Convegno Nazionale sulla Cannabis terapeutica, a Modena la seconda edizione

    • dal 6 al 7 febbraio 2021
    • Online
  • La magia del Natale si accende con il presepe dell'Ex Cinema Principe

    • Gratis
    • dal 8 dicembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Ex Cinema Principe
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ModenaToday è in caricamento