Nemos allo Studio Tape con "Settantadue": la mostra sull'ossessivo rituale del lavarsi le mani

Inaugura, sabato 17 ottobre alle ore 17 allo Studio Tape di Modena, "Settantadue", la mostra di Nemos, artista italiano di fama internazionale.

72 è il titolo della mostra di disegni e sculture di Nemos da StudioTape.
72 - sono le saponette intagliate dall’artista presenti in mostra
72 - “days of lockdown soap” - è il titolo del video esposto.

In questa mostra Nemos s’interroga sull’ossessività e il rituale del lavarsi le mani, il nuovo tic contemporaneo nato durante i giorni del
lockdown diventato come un mantra, carico di valenze simboliche in quanto riferimento all’essere effimero delle opere d’arte e della
stessa vita umana ma anche indagine sulla sua idea di identità e l’idea di comunità.

“Ho iniziato questo progetto perché volevo giocare con il concetto del confine tra arte e vita: produrre un oggetto artistico (scultura)
realizzato di un materiale che a causa della situazione pandemica era divenuto indispensabile (sapone da disinfettare) mi poneva di fronte ad
un dubbio enorme: dovevo preservare l’opera artistica o potevo utilizzarla per lavarmi le mani - per la mia salute - per cosa era stata fatta?
Dal primo giorno in cui ho iniziato a usare quel sapone per lavarmi le mani come disinfettante, ho utilizzato il timlapse per documentare il
processo di consumo del sapone. Mentre passavano i giorni mi rendevo conto che questo lavoro parlava anche della nostra identità e di come senza la comunità questa cambia e si trasforma. Durante il periodo di lockdown l’identità di ciascuno di noi stava scomparendo allo stesso modo in cui si stava consumando la mia saponetta. Contemporaneamente attraverso l’isolamento - si stava stava trasformando anche l’idea e il rapporto che l’uomo ha con la natura: abbiamo sempre usato la nostra vita come unità di misura - convinti di essere il centro dell’universo - e questa pandemia ha avuto la capacità di cambiare questa prospettiva, ridimensionando l’umanità, le sue azioni e l’io a un elemento insignificante rispetto all’immensità dell’esistenza, rendendola evanescente come un sapone”.

A completare l’esposizione saranno presentati anche circa 50 bozzetti, pratica quotidiana e imprescindibile dell’artista che accompagna
la sua attività di writer e pittore.

E’ proprio nella pratica dei bozzetti dove possiamo leggere il senso profondo di tutta la ricerca dell’artista: se da una parte -
nell’ossessività dei soggetti dei suoi interventi - possiamo vedere la passione che lega Nemos all’essere umano ed il suo potenziale,
allo stesso tempo le forme e il trattamento figurativo ci rivelano un certo disgusto per la società cosiddetta “civilizzata” che siamo
riusciti a creare: una società che ci schiaccia, ci umilia e ci riduce a mera carne da macello, rendendoci prigionieri della nostra
ingombrante materialità e della nostra spasmodica ricerca di perfezione e immortalità. Non a caso, i protagonisti delle sue opere sono soprattutto corpi nudi, deformi e dalla pelle flaccida raccontanti in situazione quotidiane assurde attraverso un suo peculiare umorismo, macabro e cinico, che fa spesso sorridere, lasciando in bocca una sensazione di amaro persistente: sono le contraddizioni, le ingiustizie e le ipocrisie del mondo in cui viviamo.

La mostra sarà visitabile fino al 23 dicembre 2020.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Mostre. Storie di maghette, calciatori e robottoni al Museo della Figurina

    • dal 12 settembre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo della Figurina
  • Arnaldo Pomodoro, le opere di uno dei più grandi scultori contemporanei in esposizione a Soliera

    • Gratis
    • dal 17 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Castello Campori
  • "Ultima perfezione", Fmav presenta la prima mostra personale di Quayola in Italia

    • dal 18 settembre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Palazzo Santa Margherita

I più visti

  • Diventare istruttore cinofilo? A Modena si può

    • dal 22 febbraio 2020 al 23 gennaio 2021
  • Mostre. Storie di maghette, calciatori e robottoni al Museo della Figurina

    • dal 12 settembre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo della Figurina
  • Arnaldo Pomodoro, le opere di uno dei più grandi scultori contemporanei in esposizione a Soliera

    • Gratis
    • dal 17 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Castello Campori
  • Pavullo, tre mesi di concerti con la rassegna "Musica a Palazzo"

    • Gratis
    • dal 12 settembre al 12 dicembre 2020
    • Galleria dei Sotterranei di Palazzo Ducale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento