Congressi Pdl, lista Aimi e Lei sicura della vittoria finale sui rivali

Depositata a Roma la candidatura di Enrico Aimi e Alessandro Lei alla guida del Pdl di Modena: le adesioni in provincia sono state quasi 6mila e sulla carta la vittoria appare oramai scontata, dipenderà solo se con il 60 o il 70%

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

È stata depositata nelle scorse ore a Roma, corredata da tantissime firme di sostegno, la candidatura di Enrico Aimi e Alessandro Lei alla guida del Popolo della Libertà in vista del prossimo congresso. Un grande raggruppamento quello che li sostiene che è riuscito a portare a sintesi alcune esperienze cresciute all'interno del Pdl e che ha la certezza di rappresentare la stragrande maggioranza del partito e degli iscritti, la cosiddetta Area Vasta.

Il nome del Vicepresidende del Consiglio Regionale e quello di Lei sono apparsi al "grosso blocco" degli iscritti come la miglior sintesi per il rilancio del Pdl. Specie in questa fase delicata il partito ha necessità di una guida di provata esperienza politica che ha già peraltro dimostrato sul campo, in tantissimi anni di militanza e di battaglie politiche, di avere le carte in regola per vincere non solo personalmente ma anche per portare alla vittoria il partito
stesso. Insomma una squadra, quella del duo Aimi-Lei, che si prefigge di dar battaglia all'esterno alle sinistre e al contempo di armonizzare e riunire al suo interno il partito forte di un ampio consenso. Le adesioni al Pdl in provincia sono state quasi 6mila e sulla carta la vittoria appare oramai scontata (dipenderà solo se con il 60 o il 70%) e non solo perché Aimi, Giovanardi, Samorì, Lenzini, Rinaldi hanno portato in dote ben oltre il 60%
degli iscritti, ma perché il fronte dell'opposizione correrà diviso: Barcaiuolo da una parte e Severi-Bertolini dall'altra.

"Non ritengo giusto - commenta Lei - parlare di anime o partiti che non esistono più. Alleanza Nazione come Forza Italia appartengono a logiche vecchie, oggi siamo chiamati a concludere in modo compiuto il  progetto del nostro presidente Berlusconi e del segretario Alfano: 100% Pdl. Domani non si dovrà più chiedere al militante da che esperienza politica proviene ma se è disposto a compiere con tutto il partito il lungo cammino insieme". Enrico Aimi ha aggiunto che "il senso di responsabilità dei dirigenti e dei militanti, in un momento così delicato per il partito, farà certamente prevalere il confronto e il dialogo alle sterili polemiche. All'interno del Pdl non esistono nemici, l'avversario politico è al di fuori di noi; è la sinistra nichilista, massimalista, rivoluzionaria e radicale che ha una progettualità disgregatrice sia sotto il profilo morale, familiare, sociale, economico".

"L'agire politico del nuovo Pdl - spiega Aimi - dovrà caratterizzarsi con azioni interne ed esterne. Le prime funzionali ad avere sul territorio militanti e dirigenti all'altezza della sfida culturale e politica; le seconde per creare una rete capillare di militanza, Comune per Comune, nella consapevolezza che la circolazione delle idee e dei valori espressi dal centrodestra hanno una capacità persuasiva di per sé  efficiente. Anche il semplice banchetto, il volantino o il manifesto politico, hanno una loro positiva funzione che non è solo quella del mettere in circuito idee, programmi o difendere principi, ma anche di riportare la nostra forza politica tra la gente. In buona sostanza - spiega Aimi - un partito dall'Anima Comunitaria, attento al nuovo, ma nel solco della nostra migliore tradizione".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento