Cena a base di tortellini al Senato della Repubblica, cucinano i ragazzi del Tortellante

Un progetto che coinvolge l'associazione modenese e quella milanese di PizzAut, per dare un valore al ruolo sociale dei giovani autistici, che in italia sono ben 600mila

In Italia vivono seicentomila giovani adulti con autismo ma in pochissimi lavorano. Di solito sono socialmente inclusi solo i soggetti ad altissimo funzionamento, mentre restano isolati tutti quelli con basso e medio funzionamento, che sono la stragrande maggioranza. Martedì sera il Tortellante di Modena e PizzAut di Milano punteranno ad invertire questa triste realtà, portando nella mensa del Senato un menu speciale cucinato da persone speciali. Dalle 20.30 in poi saranno i ragazzi autistici a cucinare e servire nella sala da pranzo dei senatori pizza e tortelli per tutti i presenti. 

Il Tortellante di Modena è un'associazione di promozione sociale composta da 24 famiglie di ragazzi autistici. "Abbiamo unito disabilità e terza età- spiega alla Dire Erika Coppelli, una delle mamme- i ragazzi confezionano la pasta fresca con l'aiuto delle nonne e lavorano. Abbiamo un accordo con le aziende modenesi e serviamo tortellini alle loro mense aziendali. In questa missione ci aiuta Massimo Bottura, chef pluristellano". 

Al Senato "vogliamo dimostrare che si può fare la differenza. Dimostreremo con i fatti che è possibile cambiare le cose. La legge sul 'Dopo di noì prevede la riabilitazione di questi ragazzi ed è assurdo che finita la scuola si torni indietro parcheggiandoli nei centri diurni", conclude la mamma. 

La cena al Senato martedì 9 luglio sarà "un'applicazione pratica della legge sull'autismo, di cui stiamo ancora sperando la pubblicazione delle linee guida. Le due associazioni rappresentano un contesto in cui obiettivi come autonomia, dignità del lavoro, eccellenza della relazione e del servizio sono parole concrete. Abbiamo bisogno di questo- conclude la senatrice Paola Binetti- come elementi reali di speranza da offrire alle famiglie. Si va oltre il Dopo di noi, siamo nel 'tra noì: genitori che si mettono in gioco e che permettono ai figli e agli amici dei propri figli di creare realtà importanti".

Vengono invece da Milano i "cugini" del Tortellante: "Il laboratorio di inclusione sociale 'PizzAut' nasce pensando che i ragazzi con autismo possono e, quindi, devono lavorare. Investire su di loro fa risparmiare- sottolinea Nico Acampora, responsabile del progetto- abbiamo ideato una campagna per il 5 per mille intitolata 'Sii egoista e pensa alla tua pensionè, perchè se doni a PizzAut i ragazzi saranno contribuenti e finanzieranno la tua pensione. Andare in Senato vuol dire ragionare sulla necessità di fare norme che agevolino realtà come la nostra, ancora in fase sperimentale. Il 70% del personale del nostro ristorante è composta da tutti ragazzi con autismo. In genere la legge prevede solo un 30% di persone con disabilità. Noi invertiamo i numeri- ripete Acampora- e non con un atteggiamento pietistico, quel 70% è assolutamente formato. Nella nostra attività ci sono 3 pizzaioli, 6 camerieri, 1 responsabile di sala e 1 addetto al bar che fa caffè, cappuccini e cocktail. Entro aprile 2020 apriremo il nostro ristorante a Cassina dè Pecchi (provincia di Milano)".

(DIRE)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secchia e Panaro in piena, i ponti restano chiusi. Si contano i danni per gli allagamenti

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Tortellini e gnocco fritto nel cuore della City, "Bottega Modena" sbarca a Londra

  • Niente comizio in centro per Salvini. E le "sardine" si spostano in Piazza Grande

  • Salvini arriva a Modena, Anche sotto la Ghirlandina scatta la mobilitazione delle "sardine"

  • L'acqua filtra nelle cisterne, automobilisti in panne al distributore

Torna su
ModenaToday è in caricamento