rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Cronaca Carpi

Condannato per l'omicidio stradale di Alessandra Arletti, come già successo 22 anni fa

Tre anni e quattro mesi al 61enne carpigiano che investì la ragazza e un amico lo scorso settembre. Nel 2002 urtò e causò il decesso di un ciclista sulla Romana Nord

E' arrivata in in tribunale, nel corso di un'udienza presieduta dal giudice Andrea Scarpa, la condanna per l'omicidio stradale di Alessandra Arletti, ventenne carpigiana investita in Traversa San Giorgio mentre stava facendo jogging insieme ad un amico, a sua volta ferito gravemente. Era la sera del 1 settembre quando i due ragazzi si trovavano in zona Santa Croce, lungo la trafficata strada che attraversa la periferia carpigiana: un suv li aveva travolti all'altezza dell'intersezione con via Bersana, senza lasciare scampo alla giovane.

Un incidente drammatico, che aveva anche aperto un dibattito sulla sicurezza della strada in questione - già teatro di un altro incidente mortale tre anni prima - e che era costato una denuncia al conducente del mezzo, 61enne carpigiano. 

La difesa del conducente aveva optato per il rito abbreviato, con la Procura che aveva chiesto la condanna a 5 anni: Il giudice ha stabilito una pena di 3 anni e 4 mesi per il carpigiano, come previsto dalal formula abbreviata. Oltre ovviamente alla revoca della patente. Pena che potrebbe essere scontata ai domiciliari o in regime di semilibertà, alla luce delle recenti modifiche di legge che permettono in casi analoghi di evitare il carcere.

L'automobilista, tuttavia, non era nuovo alle aule di tribunale. Il 61enne, infatti, era già stato condannato per un altro omicidio stradale, avvenuto nel lontano 2002 sempre a Carpi, lungo la Statale Domana Nord. In quella circostanza a perdere la vita era stato un operaio 39enne, Roberto Minichiello, finito fuori strada con il suo motorino dopo l'urto con l'auto. Allora il conducente non si era quasi accorto dell'impatto, avvenuto in piena notte, e si era presentato alle autorità solo il giorno successivo. Per altro la patente gli era già stata sospesa dopo altri due incidenti con altrettanti ciclisti, che non avevano avuto conseguenze gravi.

La prima condanna per omicidio stradale, tuttavia, non ha avuto ripercussioni sul processo attuale, in quanto già estinta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condannato per l'omicidio stradale di Alessandra Arletti, come già successo 22 anni fa

ModenaToday è in caricamento