Piano licenziamenti di EDIS Modena. CGIL e lavoratori in protesta

La RSU della EDIS e la SLC-CGIL, mantengono ferme le posizioni condivise dai lavoratori e dalle lavoratrici, per una ridefinizione del piano industriale, con prospettive positive per la EDIS del futuro

Nel pomeriggio di ieri si è infatti svolto l'incontro tra la Direzione aziendale, la RSU e la SLC-CGIL, per discutere dell'annunciato piano di licenziamenti per 52 dipendenti, sui 92 complessivi. "La posizione dell'azienda, non è cambiata - spiega il sindacato - Tutto è stato confermato. L'azienda non vuole utilizzare ammortizzatori sociali, nonostante la disponibilità sindacale, non vuole rivedere il piano industriale, che riteniamo porterebbe allo sfacelo anche i pochi lavoratori che oggi conservano (conserverebbero) il posto di lavoro, non intendono aprire a soluzioni condivise per la gestione degli esuberi."

CGIL sostiene che per la famiglia Sinigaglia, i primi due scioperi contro l'azienda della trentennale storia della EDIS non hanno significato, nonostante l'adesione sostanzialmente totale dei dipendenti. Il destino dei lavoratori e delle lavoratrici (il personale è per la maggior parte composto di donne, molte con figli), non è un problema.

La RSU della EDIS e la SLC-CGIL, mantengono ferme le posizioni condivise dai lavoratori e dalle lavoratrici; ridefinizione del piano industriale, con prospettive positive per la EDIS del futuro. Ovvero, la riduzione sostanziale del numero degli esuberi, e gestione condivisa del piano, tenendo conto delle esigenze dei lavoratori; apertura di un programma di Cassa Integrazione Straordinaria, che limiti l'impatto sociale per il personale interessato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il territorio modenese - conclude SCL-CGIL - già interessato da migliaia di licenziamenti negli ultimi anni, rischia di perdere un altro importante polo produttivo, che fino ad un paio di anni fa, costituiva un'eccellenza a livello nazionale. Non staremo fermi a guardare mentre la EDIS viene smantellata.
Le azioni di lotta e di protesta continueranno, in tutte le forme ed in tutte le sedi opportune, al fine di garantire un destino diverso ai lavoratori ed alle lavoratrici della EDIS di Modena
."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum sul taglio dei parlamentari: tutto quello che c'è da sapere

  • Pullman nel fosso dopo uno scontro con un furgone, grave incidente a Campogalliano

  • Covid. Studenti positivi in quattro scuole di Modena e in una di Carpi

  • Covid, 15 casi a Modena. Oltre la metà da contagio famigliare

  • Addio a Maria Lucia Matteo, stimata ginecologa di Carpi

  • Covid. La Regione lancia il test gratuito in farmacia per i genitori degli studenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento