rotate-mobile
Cronaca

Casi di psiorarsi e tumori cutanei aumentano in provincia. Un incontro per la prevenzione

Si contano a Modena e Provincia 15.000 persone affette da psoriasi e in Italia 90-100 nuovi casi di tumori cutanei ogni 100.000 persone all’anno. E' così che la prevenzione gioca un ruolo fondamental

La Struttura Complessa di Dermatologia del Policlinico, diretta dal prof. Giovanni Pellacani, ha organizzato per sabato 12 marzo dalle 9,30 alle 12,30 nell’Aula Magna del Centro Didattico della Facoltà di Medicina e Chirurgia (Policlinico, via del Pozzo) un incontro tra medici e pazienti per fare il punto sulle patologie della pelle e, in particolare sulla psoriasi e i tumori cutanei.

Si contano a Modena e Provincia 15.000 persone affette da psoriasi e in Italia 90-100 nuovi casi di tumori cutanei ogni 100.000 persone all’anno. E' così che la prevenzione gioca un ruolo fondamentale.  L'incontro è rivolto principalmente ai soggetti che soffrono di psoriasi, di tumori cutanei o di altre malattie della pelle ad essa correlate con lo scopo di fornire informazioni sulle novità nella ricerca e nei trattamenti disponibili per lo studio e la cura di queste malattie della pelle attraverso un dibattito attivo fra medici e pazienti.

PSORIASI. La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica della pelle caratterizzata dalla presenza di placche arrossate, ricoperte da squame, spesso pruriginose. E’ una malattia molto diffusa, interessa oltre il 2% della popolazione, soprattutto nella fascia di età fra i 20 ed il 50 anni. “La malattia – spiega il dott. Andrea Conti dermatologo referente dell’Ambulatorio Psoriasi – ha una predisposizione genetica sulla quale agiscono fattori scatenanti quali alcuni farmaci, le infezioni e lo stress. E’ una vera e propria malattia sistemica in quanto è spesso associata ad patologie cardiovascolari, dismetaboliche, come obesità e diabete o articolari, come l’artrite psoriasica, oppure infiammatorie croniche intestinali”.
 
TUMORI CUTANEI. Tra i tumori cutanei il più noto è certo il melanoma, ma i più frequenti sono le neoplasie che originano dalle cellule che costituiscono gli strati dell’epidermide come i carcinomi basocellulari e i carcinomi squamocellulari. “Quelli della pelle sono senza dubbio i tumori più frequenti – ricorda la prof.ssa Cristina Magnoni, Responsabile della Chirurgia Dermatologica – basti pensare che secondo i dati della Skin Cancer Foundation nella popolazione americana 1 soggetto su 6 sviluppa un carcinoma della cute durante il corso della vita”. L’incidenza totale dei carcinomi cutanei è stimata attorno a 600.000 nuovi casi per anno. Di questi 600.000 circa 500.000 sono carcinomi basocellulari e 100-150.000 carcinomi squamocellulari con un rapporto, quindi di 4 a 1. In Italia, l’incidenza dei carcinomi cutanei è di 120 nuovi casi ogni 100.000 soggetti di sesso maschile e di 90 casi ogni 100.000 soggetti di sesso femminile con una tendenza in forte crescita.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casi di psiorarsi e tumori cutanei aumentano in provincia. Un incontro per la prevenzione

ModenaToday è in caricamento