rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Politica

Asili, i genitori: "Temiamo marcia indietro dell'Assessore"

Esternalizzazioni, il Comitato "Già le mani dagli asili" torna alla carica e avverte la giunta: "Pronti a presenziare i lavori in commissione e in consiglio comunale"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

Il Comitato “Giù le mani dagli asili” di Modena sta apprendendo con preoccupazione le notizie apparse recentemente su di una testata locale, notizie che riferivano di presunte garanzie assicurate dall’Assessore Adriana Querzè ad alcuni Consiglieri Comunali del Pd sul concorso di soggetti privati all’interno della costituenda Fondazione per la gestione di 4 scuole d’infanzia.

La soluzione di affidare ad una Fondazione la gestione degli asili per i quali sarebbe invece stata prospettata una esternalizzazione dei servizi ha rappresentato l’approdo di un percorso virtuoso che si è mosso ed è stato condiviso dai cittadini e  dall’Amministrazione Comunale, ed è stato appoggiato anche dalle forze politiche più sensibili al tema. Queste infatti, sulla base della rapidità con cui sono state raccolte 7542 firme, paiono aver compreso la strategicità di questa battaglia per la difesa di una delle eccellenze della  città, battaglia che si inserisce nel novero delle altre azioni che oggi in Italia si compiono a salvaguardia di un bene comune come l’istruzione.

In questo senso la puntuale rettifica ai contenuti dell’articolo fatta pubblicare in data 13/04 dall’Assessore Querzè ed i concetti da questa espressi verso la costituzione di un oggetto che potrà rappresentare una soluzione evoluta e di progresso per la scuola modenese, ci trovano pienamente concordi. Al pari non capiamo se chi abbia promosso la fuoriuscita di tali notizie di stampa sia impegnato in una tardiva ed anche poco tecnicamente documentata rappresentanza di interessi economici o se le attuali tensioni politiche presenti a livello cittadino siano state sfruttate come occasione per revocare degli assunti che credevamo già acquisiti.

Riprendendo le puntualizzazioni dell’Assessore Querzè, se esiste questa volontà politica di far venire meno il percorso fino ad  ora costruito fra genitori ed Amministrazione, si abbia la coerenza ed il coraggio politico di dirlo a chiare lettere mettendo in conto che la totalità della componente genitoriale costituita  sia dalla rappresentanza dei genitori espressa da questo Comitato, sia dalla posizione del Coordinamento Consigli di Gestione delle Scuola d’Infanzia e dei Nidi, ha individuato la Fondazione a completo controllo pubblico come la soluzione alle note problematiche.

Per alzare lo sguardo a contesti analoghi, anche in un’altra grande città come Torino tale dibattito è stato risolto per parola dello stesso Sindaco Fassino, mantenendo in ambito pubblico tramite fondazione o ex Ipab una funzione primaria quale l’istruzione 0-6 anni.abbia la coerenza politica di dirlo a chiare lettere, alla città e ai genitori. Se ne gioverebbe il dibattito pubblico. Pertanto il Comitato, nel sostenere apertamente la presa di posizione dell’Assessore Querzè, preannuncia che monitorerà con attenzione gli imminenti lavori di Commissione Consigliare e del Consiglio Comunale aventi ad oggetto l’approvazione della delibera di indirizzo sulla Fondazione. Assicureremo una nostra presenza presso tali sedi d’incontro per ribadire e, se necessario illustrare nuovamente, le ragioni di 7452 cittadini che chiaramente si sono espressi per un determinato modello di scuola e per registrare quei comportamenti che dovessero allontanarsi dal percorso politico fino ad ora condiviso.

Il Comitato, sia a livello modenese, che coordinandosi con altre realtà  locali anche grazie ai passaggi sui media nazionali avvenuti e programmati, sta inoltre proseguendo la propria attività di contrasto alle norme di legge ed ai vincoli di bilancio che stanno depauperando la scuola italiana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asili, i genitori: "Temiamo marcia indietro dell'Assessore"

ModenaToday è in caricamento