Bilancio, il Comune ci ripensa: niente tassa di soggiorno

Annuncio del vice sindaco Giuseppe Boschini dopo un incontro con le associazioni di categoria. Il provvedimento, inserito nella prossima variazione di bilancio, verrà sospeso fino a fine anno

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

A Modena l’imposta di soggiorno verrà sospesa fino alla fine dell’anno. Lo annuncia il vice sindaco e assessore al Bilancio Giuseppe Boschini dopo un incontro con i rappresentanti di Federalberghi e Assohotel, associazioni di categoria del settore alberghiero, nel corso del quale è stata confermata l’ipotesi di sospensione già avanzata nei mesi scorsi dal sindaco Giorgio Pighi e legata, in particolare, alla situazione che si è creata in seguito al terremoto, con un impatto negativo sul movimento turistico locale.

Il provvedimento, che prevede minori entrate per 180 mila euro, verrà inserito nella prossima variazione di bilancio di circa 4 milioni che sarà proposta al Consiglio comunale giovedì 27 settembre e “nelle prossime settimane – spiega Boschini – riapriremo il tavolo con i rappresentanti del settore per verificare se e come lo strumento, introdotto con la manovra finanziaria approvata a giugno, può essere ancora applicato nel prossimo anno per garantire, in particolare, un rilancio delle iniziative di promozione turistica”.

Federalberghi e Assohotel hanno espresso la propria soddisfazione per l’adozione del provvedimento di sospensione e auspicano “che in questi tre mesi si possa addivenire a un superamento dell’imposta, delineando nel contempo un percorso che consenta di riposizionare il nostro territorio sul mercato turistico,  mantenendo le escursioni giornaliere presenti e ampliando le opportunità di soggiorno”.

Torna su
ModenaToday è in caricamento