Baggiovara, la ricerca entra in ospedale grazie al Nuovo Laboratorio Universitario

Inaugurato il Laboratorio del Dipartimento Integrato di Medicina, Endocrinologia, Metabolismo e Geriatria. Specialisti di alto profilo e tecnologie all'avanguardia, al servizio della ricerca applicata. Determinante il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

La ricerca al servizio diretto della medicina in ospedale. È questa una delle peculiarità che contraddistingue il nuovo Laboratorio del Dipartimento Integrato di Medicina, Endocrinologia, Metabolismo e Geriatria inaugurato questa mattina, 7 marzo. Si tratta di uno dei pochi casi in tutta la regione Emilia-Romagna, di un laboratorio di ricerca, scientifica e tecnica, inserito in un ospedale di un’Azienda Usl e non – come avviene nella maggior parte dei casi – all’interno di un’Azienda Ospedaliero-Universitaria. La nuova sede ospita tre laboratori dedicati alla manipolazione degli acidi nucleici; a loro si affiancano il laboratorio centrale, il locale per le colture cellulari, la sala microscopia, la Centrale di Sterilizzazione, il laboratorio chimico, due uffici per il personale e il locale refrigerato a temperatura controllata. 
 
Il risultato è stato reso possibile grazie all’accordo tra Unimore e Azienda Usl di Modena e al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena (600mila euro), che ha permesso di trasferire l’attività del Laboratorio in una sede completamente rinnovata presso il Nuovo Ospedale Civile Sant’Agostino-Estense di Modena. Come indicato nella convenzione di recente sottoscritta tra Ausl e Unimore, il laboratorio, con il suo nuovo assetto, permette di perseguire con ancora più efficacia una pluralità di obiettivi virtuosi. In particolare, per l’Università si rafforza la qualità degli strumenti a disposizione nell’ambito della ricerca scientifica, per il mantenimento dei livelli qualitativi della ricerca raggiunti e, soprattutto, per svolgere i compiti di ricerca applicata.

Inaugurazione_Laboratorio_NOCSAE_taglio nastro-2

“La realizzazione di questo laboratorio – spiega la professoressa Manuela Simoni, Responsabile del Laboratorio – consente non solo l’unità logistica di tutte le attività endocrino-metaboliche dipartimentali ma anche uno ‘scambio’ continuo e fecondo tra medici e biologi, che è alla base dell’innovazione in area medica. Ringrazio tutti coloro che, nel corso degli anni, hanno compreso e perseguito con tenacia e convinzione questa visione lungimirante. Ora abbiamo portato a termine un progetto di integrazione vera tra attività clinica e ricerca di laboratorio che, partendo da istanze cliniche reali, originate al letto del malato, cerca le soluzioni nell’endocrinologia molecolare e cellulare e le mette a disposizione dell’innovazione diagnostica e terapeutica. E’ un’enorme opportunità per i giovani medici e ricercatori e un indubbio polo d’attrazione di ulteriori risorse”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Forno rumoroso in centro storico, sequestrati i locali per la produzione

Torna su
ModenaToday è in caricamento